Emergenza sanitaria: la Puglia dall’11 febbraio 2021 passa in zona gialla

Alcune delle principali misure in vigore in base alla nuova classificazione

Emergenza sanitaria: la Puglia dall’11 febbraio 2021 passa in zona gialla

Dettagli della notizia

La Puglia passa in zona gialla dall’11 febbraio 2021. Il ministro della salute, Roberto Speranza, ha infatti firmato l’ordinanza che pone fine nella regione all’applicazione delle misure di contenimento del Covid-19 previste per la classificazione in zona arancione, collocando come detto la Puglia in fascia gialla.

Questo, ovviamente, non significa che si debba abbassare il livello di attenzione: il virus continua a circolare con grande pericolosità, per cui è necessario mantenere il rispetto delle norme comportamentali indispensabili a impedirne la circolazione.

Il passaggio della Puglia in zona gialla determina che dall’11 febbraio 2021, dalle ore 05.00 alle ore 22.00, è consentito muoversi verso un altro comune, ma sempre all’interno della regione Puglia, senza necessità di autocertificazione a giustificare lo spostamento.  

Gli spostamenti al di fuori dei confini regionali, invece, restano vietati, con l’unica eccezione di quelli determinati da motivi di lavoro, salute o necessità.

Fortemente raccomandato, invece, non ricevere in casa propria persone diverse dai conviventi.

Bar, ristoranti, pasticcerie e gelaterie potranno rimanere aperti fino alle ore 18.00, con possibilità di consumazione all’interno. Tuttavia non sarà possibile sedersi ai tavoli in più di 4 persone per volta, a meno che gli avventori non siano tutti conviventi tra loro.

I bar potranno effettuare il servizio di asporto fino alle ore 18.00, ristoranti, pasticcerie, gelaterie e pizzerie potranno invece garantirlo fino alle ore 22.00. Senza restrizioni il servizio a domicilio, ovviamente nel rispetto delle norme igienico-sanitarie per confezionamento e trasporto.

Sport consentito all’aperto, nel rispetto del distanziamento di almeno due metri durante lo svolgimento delle attività. Consentito recarsi durante l’attività motoria anche al di fuori del proprio comune, fermo restando il divieto di spostamento tra le regioni.

I negozi restano aperti, così come barbieri, parrucchieri e centri estetici. Musei aperti dal lunedì al venerdì, ma non nei giorni festivi.

Chiusi gli esercizi all’interno dei centri commerciali nei festivi e prefestivi, a eccezione di farmacie, parafarmacie, generi alimentari, tabacchi ed edicole.

Chiuse anche palestre, piscine, centri benessere, cinema, teatri e centri ricreativi, così come sale giochi, scommesse, bingo e casinò.

Tra i link in allegato nella pagina, l'ordinanza del ministro Speranza e la notizia sul sito della Regione Puglia con le classificazioni in base ai differenti livelli di rischio di trasmissione del contagio. 

Immagini della notizia

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Commenta la seguente affermazione: "ho trovato utile, completa e corretta l'informazione."
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
X
Torna su