Danni alle colture a causa del forte vento, il Comune chiede lo stato di calamità

L’assessore Petroni scrive in Regione a seguito degli eventi del 13, 14 e 15 maggio 2020

Danni alle colture a causa del forte vento, il Comune chiede lo stato di calamità

Dettagli della notizia

Richiesta di calamità naturale a seguito del forte vento del 13,14 e 15 maggio 2020. È quella che l’assessorato all’agricoltura del Comune di Casamassima, guidato da Gino Petroni, ha inoltrato alla Regione Puglia martedì 19 maggio 2020.

“L’amministrazione comunale di Casamassima – ha scritto Petroni nel documento trasmesso come detto in Regione – segnala i gravissimi danni subiti dalle produzioni agricole del territorio, in particolar modo quelle dei comparti relativi a ciliegie, albicocche, uva da tavola e da vino, pesche, mandorle, pesantemente danneggiate dalle fortissime raffiche di vento del 13, 14 e 15 maggio 2020. L’ondata di maltempo in questi giorni è stata infatti durissima nel sudest barese, quindi anche nel territorio di Casamassima, con danni enormi alle coltivazioni, già fortemente compromesse a seguito delle gelate del 23 e 24 marzo scorsi, che hanno già recato pregiudizio alla qualità e quantità della raccolta, con conseguenze gravissime sulla commercializzazione.

Il forte vento, peraltro, ha colpito il settore agricolo in un momento di grande incertezza dei mercati, contribuendo a disegnare un quadro disastroso, con danni irreparabili in modo particolare alle colture con frutto già pendente.

Si ritiene pertanto – ha proseguito l’assessore Petroni – che vi siano tutti gli estremi affinché l’assessorato all’agricoltura del Comune di Casamassima inviti l’assessorato alle politiche agricole della Regione Puglia a mettere in atto tutti gli interventi utili alla ripresa dell’attività produttiva, procedendo alla delimitazione del territorio casamassimese colpito dalla calamità, con conseguente accertamento dei danni. La richiesta dello stato di calamità naturale, o di eventi eccezionali, è condizione necessaria per consentire ai nostri agricoltori di accedere ai benefici economici previsti dal decreto legislativo numero 102/2004, in particolare per le tipologie di intervento ammissibili al ‘Fondo di solidarietà nazionale’. Invitiamo l’assessore competente e la giunta regionale ad avviare tutte le procedure previste, al fine di assicurare un sostegno tangibile al nostro mondo agricolo, auspicando che in tempi brevi sia accertata in maniera puntuale l’entità dei danni, con consequenziale richiesta di stato di calamità al Ministero”.   

Immagini della notizia

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Commenta la seguente affermazione: "ho trovato utile, completa e corretta l'informazione."
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
X
Torna su